Top & Flop Serie A Basket – 7° giornata di ritorno

legabasketMilano passa all’overtime a Venezia, cade Sassari, vince Varese, ma soprattutto Roma passa a Siena. Di cose ne sono successe in questo settimo turno di Serie A. Andiamo quindi a vedere i Top e i Flop di questo turno:

TOP

Virtus Roma: Potevo immaginarmi di tutto, ma mai che Roma espugnasse Siena di 24 punti! La vittoria è netta. Lo dimostra il fatto che i capitolini hanno doppiato i Campioni d’Italia a rimbalzo (44 a 22) e anche al tiro da 3 punti (42.1 contro 21.4). Su tutti, ottima la partita di Jordan Taylor che, oltre a 5 assist, infila un 4/4 mortifero da 3 punti, chiudendo la sua partita a 21 punti e 27 di valutazione.

Daniele Cavaliero: Nella vittoria su Brindisi, il pesarese eguaglia il suo ‘career high’ di 26 punti, con un’unica differenza rispetto alla prima volta: stavolta ne infila ventisei giocando 26′ e non 38′! Mica male per il play che si ricandida per un posto in azzurro e che intanto prova a salvare Pesaro.

Troy Bell: la guardia americana di Reggio, arrivata a metà stagione, finalmente si fa notare: 26 punti in soli 23 minuti! Insomma, ha segnato 1,13 punti al minuto! E’ la quinta miglior prestazione biancorossa di sempre per punti al minuto. Quinta come la vittoria consecutiva della Trenk, che sembra non abbia molta voglia di rallentare la sua corsa…

FLOP

Montepaschi Siena: Inevitabile inserire i Campioni d’Italia tra i Flop di giornata, visto il tracollo avuto in casa con Roma. Imbarazzante il 6/28 da 3 punti, come imbarazzanti sono le 15 palle perse. 24 punti di scarto, in casa, sono tanti!

Virtus Bologna: “Rassegnatevi all’evidenza..di voi si può far senza!!” Questo è lo striscione apparso ieri nella curva bolognese contro giocatori e società. Come si può dargli torto? Con la sconfitta interna per mano di Caserta, ora la Virtus è 13esima a +4 da Biella ultima.

Daniele Cinciarini e Valerio Amoroso: Quando la tua squadra è in pieno recupero, a -7 a 5′ dalla fine, non puoi prendere un tecnico stupidissimo dopo essere stato ripreso più volte. Invece Amoroso ha pensato bene di farlo. Come anche Cinciarini, che probabilmente sentiva un po’ troppo la sfida col fratello Andrea, che ha continuato la striscia del tecnico iniziata dal compagno di squadra.
Ha ragione Recalcati quando dice: “Quando inizi una sfida con gli arbitri, devi sapere che alla fine vinceranno sempre loro!”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...