Stars & Stripes: Hamilton agli Angels per 125 milioni!

Poco più di un anno fa i Los Angeles Angels mettevano a segno il colpo dell’inverno, firmando Albert Pujols, il pezzo più pregiato della free agency 2011, con un contratto da 240 milioni di dollari in dieci anni. Anche quest’anno gli Angels hanno piazzato il colpo da novanta, mettendo sotto contratto il miglior giocatore disponibile sul mercato, ovvero Josh Hamilton.

Josh Hamilton

Anche lui non faticherà ad arrivare alla fine del mese, visto che nei prossimi cinque anni intascherà la modica cifra di 125 milioni di dollari! La media di 25 milioni l’anno fa di lui il secondo nella lista dei giocatori più pagati, a pari merito con Ryan Howard dei Philadelphia Phillies, dietro solamente ad Alex Rodriguez dei New York Yankees, che mediamente porta a casa 27,5 milioni ogni stagione (più bonus nel caso riesca a superare determinati record di fuoricampo battuti).

Questa mossa mette il punto esclamativo su un’off-season assai movimentata per i californiani, sia in entrata, sia in uscita. Infatti, dopo aver perso due pezzi importanti della rotazione come Zack Greinke e Dan Haren, il General Manager Jerry Dipoto è corso velocemente ai ripari firmando altri due partenti come Joe Blanton e Tommy Hanson.  Ha inoltre potenziato il bullpen, vero punto debole della squadra, con due ottimi rilievi, Sean Burnett e Ryan Madson.

Mancava solo un nuovo battitore, anche perché Torii Hunter era da poco passato ai Detroit Tigers: in pochi però avrebbero pensato a Josh Hamilton, accostato in questi giorni ai Philadelphia Phillies e ai Texas Rangers, squadra nella quale ha militato nelle ultime cinque stagioni. Ma il blitz delle ultime ore da parte dei californiani ha fatto saltare il banco, lasciando le altre pretendenti a bocca asciutta.

Il manager degli Angels Mike Scioscia può sfregarsi le mani, avendo a disposizione uno dei lineup più profondi e potenzialmente più letali degli ultimi anni. Oltre ai già citati Pujols e Hamilton, l’ordine di battuta comprende due dei migliori giovani di tutte le Majors, ovvero Mark Trumbo e Mike Trout, eletto miglior rookie del 2012 e finito secondo nella classifica per l’MVP dell’American League, dietro al solo Miguel Cabrera, capace di vincere la Triple Crown dopo ben 45 anni.

Mike Trout

Con un tale assortimento di campioni gli Angels diventano immediatamente i favoriti per la vittoria nella AL West, ma le spese folli non portano automaticamente al successo, soprattutto nel baseball. Sono ancora freschi nella mente degli appassionati della MLB i risultati della passata stagione: Angels e Rangers avrebbero dovuto contendersi questa divisione, ma alla fine la spuntarono i terzi incomodi, gli Oakland Athletics, nonostante una differenza abissale nel monte stipendi (i texani avevano un payroll doppio rispetto ai rivali dell’Oaktown, i losangelini addirittura quasi triplo!)

Di certo gli Angels non vorranno restare fuori dai playoff per il quarto anno consecutivo e la firma di Hamilton è il chiaro segnale che quest’anno i californiani faranno veramente sul serio.

Alberto Garilli

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...