Stars & Stripes: Tutti a caccia di LeBron

L’attesa è finalmente terminata: stanotte inizia la stagione NBA e, come da tradizione, parte con il botto. Dopo un interessante antipasto tra Washington Wizards e Cleveland Cavaliers, si arriva direttamente alla portata principale, la sfida tra Boston Celtics e Miami Heat.

Paul Pierce contro LeBron James, Rajon Rondo contro Dwayne Wade, Kevin Garnett contro Chris Bosh. Nonostante questa lunghissima lista di superstar, stanotte gran parte dell’attenzione sarà concentrata su un altro giocatore: Ray Allen. Dopo cinque stagioni con la casacca bianco-verde e un anello conquistato nel 2008, quest’estate Allen ha lasciato Boston per firmare con il grande nemico, proprio quei Miami Heat che nelle ultime due stagioni avevano eliminato i Celtics nei playoff. Una scelta che ha lasciato un’intera città attonita e che ha inevitabilmente acuito una rivalità di per sé già fortissima.

Una sfida del genere sarebbe più che sufficiente per qualsiasi appassionato di basket, ma la NBA ha deciso di esagerare, mettendo in programma anche un’altra partita di altissimo profilo, che vedrà opposti i Los Angeles Lakers e i Dallas Mavericks. Dopo i Miami Heat, i californiani sono la squadra più attesa della stagione, in particolare dopo due acquisizioni eccellenti come quelle di Steve Nash e Dwight Howard, che vanno a completare un quintetto a dir poco spaventoso insieme a Kobe Bryant, Pau Gasol e Metta World Peace. Le aspettative nella Città degli Angeli sono altissime e dopo una preseason a dir poco deludente (zero vittorie in otto partite!) la pressione comincia già a farsi sentire per i giallo-viola e per coach Mike Brown, che da quando siede sulla panchina dei Lakers non è riuscito a far dimenticare il suo leggendario predecessore, Phil Jackson. In questi casi, l’unico rimedio è vincere un titolo!

Parlando di lotta per il titolo, le più serie candidate sono proprio i Miami Heat e i Los Angeles Lakers. I campioni in carica sembrerebbero i favoriti numero uno, in particolare perché dopo un inseguimento lungo e pieno di cocenti delusioni, LeBron James è finalmente riuscito a mettere le mani sul Larry O’Brien Trophy, togliendosi dalle spalle un peso enorme, una specie di maledizione che lo seguiva ormai da troppe stagioni. Il fatto di aver finalmente rotto il ghiaccio porterà maggiore serenità al “Chosen One”, liberato dal titolo di eterno perdente. D’altro canto, i Lakers parrebbero la squadra più completa sulla carta, ma bisognerà vedere se un quintetto così pieno di stelle e di giocatori dall’ego smisurato riuscirà a trovare le giuste alchimie.

Oltre ai già citati Boston Celtics, le principali alternative a Heat e Lakers sono i Chicago Bulls e gli Oklahoma City Thunder, due ottime squadre che si presentano ai nastri di partenza con qualche incognita. La franchigia dell’Illinois dovrà fare a meno della sua stella Derrick Rose per diversi mesi, probabilmente fino a marzo, anche se nella passata stagione ha già dimostrato di poter sopperire alla sua mancanza con un sistema difensivo veramente formidabile. Per quanto riguarda i Thunder, i punti interrogativi sono sorti qualche giorno fa: infatti, dopo uno stallo non del tutto imprevisto nelle trattative di rinnovo del contratto, James Harden è stato spedito senza troppi problemi agli Houston Rockets, in cambio di Kevin Martin, Jeremy Lamb e tre scelte del prossimo Draft. La sua partenza è certamente una grave perdita per i finalisti dell’anno scorso, poiché il “Barba” era il giocatore perfetto per dare la scossa alla squadra quando Kevin Durant e Russell Westbrook si sedevano in panchina o semplicemente non erano in serata.

Un gradino più sotto, ma sempre in grado di mettere in difficoltà chiunque, ci sono gli eterni San Antonio Spurs, che hanno in gran parte confermato il roster della passata stagione, quando misero assieme il miglior record nella regular season. Restando nella Western Conference, i Los Angeles Clippers, i Dallas Mavericks e i Memphis Grizzlies e i Denver Nuggets costituiscono ormai delle realtà consolidate con le quali fare i conti, ma non sembrano in grado di competere con le vere superpotenze. I Minnesota Timberwolves, i Phoenix Suns e i New Orleans Hornets, tre squadre molto giovani e dal futuro roseo, si candidano invece come mine vaganti della Conference.

Cambiando costa, dopo le tre corazzate (Heat, Celtics e Bulls) le due squadre di New York Knicks e Brooklyn Nets si contenderanno la palma di miglior squadra della Grande Mela, con il sogno di poter impensierire i pesci grossi. Molto interessanti sono anche i Philadelphia 76ers e gli Indiana Pacers, squadre molto ambiziose e complete, già in grado di raggiungere le semifinali di Conference l’anno passato e di mettere in difficoltà compagini molto più esperte. Appaiono in discesa invece le quotazioni degli Atlanta Hawks, che hanno ceduto il loro leader Joe Johnson ai Nets, mentre i Cleveland Cavaliers e i Washington Wizards potrebbero essere buone scommesse per quanto riguarda l’ottavo posto per l’accesso ai playoff.

L’unica certezza è che tutti proveranno a detronizzare “King James”, che dal canto suo non mollerà tanto facilmente lo scettro. Che lo spettacolo abbia inizio!

Alberto Garilli

One thought on “Stars & Stripes: Tutti a caccia di LeBron

  1. Regardless you retain your own coffee maker out through the counter otherwise put separated inside the cabinet, remember to place it as part of someplace exactly
    where it is out after ingredients splatters or
    perhaps in constant contact with give. Precisely what is the best drink
    of coffee minus the ideal coffee maker? whenever you
    are taking the undertaking to pick out the finest top quality of coffee beans, take a look at your
    favorite cook, and discover the most wonderful blends,
    your should get a hold of the coffee maker which one will .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...