Un diavolo per capello – Dennis Rodman

Possiamo definirlo come uno di quei “pazzi” che ha ispirato questa rubrica. Un giocatore a dir poco eccentrico. Un mix di puro talento e tanta follia: Dennis Rodman.

Dennis è stato, nonostante i suoi “soli” 198 cm, il miglior rimbalzista della NBA per 7 volte consecutive. Un fenomeno capace di vincere 5 titoli NBA, di cui 3 con i Chicago Bulls del mitico three peat con Jordan e Pippen. Dal 2011 è entrato nella Hall of Fame. Non roba da poco, insomma.

Ma Rodman amava che si parlasse di lui. Celebre fu la sua frase: «Guardo a me stesso come una delle tre massime attrazioni della NBA. Se non c’è Shaquille O’Neal, e se non c’è Michael Jordan, c’è Dennis Rodman.». E per far parlare di sè, dentro e fuori dal campo, “usava la testa”. Ma non come credete voi.

 

Probabilmente non basterebbe un’intera giornata per vedere tutte le capigliature di Rodman. Le cambiava continuamente, ad ogni partita. Insieme a tatuaggi e piercing, era il suo modo per far parlare di sè.

 

Ma oltre al basket, Dennis si dedicò anche al cinema e al wrestling. Come attore, detiene il record di premi Razzie vinti: Razzie Awards come peggiore attore non protagonista dell’anno, il Razzie Awards alla peggior coppia assieme a Jean Claude Van Damme e il Razzie Awards al peggior esordiente, tutto ciò con un solo film: Double Team – Gioco di squadra. Come wrestler, Rodman ha fatto parte del programma Hulk Hogan’s Celebrity Championship Wrestling, un reality-show sul wrestling, dove si è laureato campione. Ha partecipato anche alla versione americana de La Talpa, dove vinse; infine, partecipò anche al Celebrity Big Brother, dove venne eliminato dopo soli 21 giorni.

 

Che Rodman è un personaggio bizzarro, lo si era capito. Ma nessuno pensava che potesse arrivare a chiamare un’emittente radiofonica, in diretta, per parlare di basket mentre faceva sesso, come successe nel 2010.

Dennis ha deciso di vivere sempre oltre al limite, ma spesso i nodi vengono al pettine: ora è in bancarotta e sempre a rischio arresto. Nel marzo del 2012, infatti, ha rischiato il carcere perchè da tempo non pagava più gli alimenti per i suoi 2 figli.

 

Ma alla fine, uno come Rodman, sa sempre come cavarsela. In fondo lui è “un fottuto genio”!

 

Alessandro Assad

One thought on “Un diavolo per capello – Dennis Rodman

  1. Pingback: Un diavolo per capello – Chris Andersen | Time Out!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...