Il cielo sopra Varsavia si colora d’azzurro: si vola a Kiev!

La storia si ripete. E, si sa, la storia non mente mai.

Dopo i Mondiali del 2006, anche questa volta, l’Italia batte la Germania in semifinale, e conquista così il pass per la finale di Euro2012, domenica a Kiev. Gli azzurri si confermano così bestia nera dei tedeschi: mai una vittoria negli ultimi 8 incontri, tra Mondiali ed Europei. E anche questa volta, come nel 2006, il campionato di calcio italiano è travolto da uno scaldalo. Piccoli segni che fanno ben sperare, quindi.

L’Italia vola a Kiev, appunto. E lo fa con quello che è diventato il giocatore simbolo di questa Nazionale, Mario Balotelli, il ragazzo incontenibile, nel vero senso della parola. Stasera ha dimostrato di essere incontenibile soprattutto in campo, mettendo a segno una doppietta. Al suo fianco, l’altro ragazzo “terribile” di questa squadra, Antonio Cassano, che pur giocando quasi da fermo, ha servito un assist a Mario e ha illuminato il gioco azzurro.

Sempre loro quindi a tirare avanti il carro di questa Nazionale che sembra essere solo la brutta copia di quella delle prime partite dell’Europeo. I ragazzi di Prandelli, infatti, hanno iniziato a giocare per davvero a calcio, dimostrando a Inghilterra prima e Germania poi, di essere davvero squadra.

Questa semifinale è stata ampiamente dominata dall’Italia, che ha saputo essere più cinica sotto rete, mettendo a segno 2 reti nei primi 36 minuti di gioco. La Germania ha fatto vedere ben poco, se non qualche piccolo lampo ogni tanto. Ozil e Gomez, visti come enormi spauracchi, non hanno praticamente fatto nulla. Anzi, lo scarto tra le squadre sarebbe sicuramente potuto essere ben più largo se Montolivo, Marchisio e Di Natale non avessero sprecato sotto rete. Solo alla fine, con un rigore molto (ma molto!) generoso realizzato da Ozil, i tedeschi hanno provato a far vedere qualcosa in più.

Questa è più di una vittoria calcistica per l’Italia. E’ sicuramente una vittoria morale per il C.T. Prandelli, contestato per le sue scelte tecnico-tattiche e per aver portato all’Europeo certi giocatori, piuttosto che altri. E’ una vittoria morale per tutti quei giocatori, come Buffon e Bonucci, accusati di essere dentro fino al collo nella vicenda del calcio-scommesse; ma anche per quei giocatori che venivano dati per finiti, come Cassano (dopo il problema cardiaco), o per non pronti, come Diamanti, Balzaretti, Giaccherini e Abate. Ma è anche una vittoria per tutti noi italiani, che, calcio a parte, dobbiamo “sottostare” alle decisioni tedesche, in ambito economico. E’ stata per tutti noi una sorta di rivincita nei confronti della Merkel e del “suo” spread.

(Afp/Leong)

La Germania, quindi, data come super favorita per questo Europeo, torna a casa a mani vuote. Ammetto che pure io, prima dell’inizio della competizione, avrei scommesso qualcosina sui tedeschi. Ma va bene così. In finale ci andiamo noi. Affronteremo una Spagna che non ha espresso un gran calcio contro il Portogallo, nell’altra semifinale. Inoltre, contro i giocatori di Del Bosque, ci abbiamo già giocato nella prima partita della manifestazione, andando anche in vantaggio con Di Natale.

Intanto in Italia è già partita la festa. In tutte le piazze italiane, infatti, sono partiti i soliti caroselli per inneggiare agli azzurri. Forse per festeggiare bisognerebbe attendere domenica. O forse no. Forse è giusto arrivare alla Finale con questo spirito e con questa carica patriottica. Staremo a vedere, intanto è giusto goderci questo momento stupendo!

FORZA AZZURRI!!!

 

Alessandro Assad

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...