Recap dopo la prima giornata dell’Europeo

Le impressioni sulle squadre dopo la fine della prima giornata dell’europeo:

Girone A

Polonia: il suo grande vantaggio, quello di giocare in casa davanti ad un pubblico festante, è stato annullato da una coraggiosa e sprecona Grecia. La formazione che basa la sua strategia di gioco su Blaszczykowski e Lewandowski, il duo terribile di Dortmund, deve fare ben altro per convincere tutti e strappare il pass per la fase successiva.

Grecia: Nonostante la squadra non sia anagraficamente giovane con l’incognita sulla stato di forma di molti giocatori ormai sul viale del tramonto, la squadra ha dimostrato il suo valore internazionale. Sopratutto di avere giocatori ancora all’altezza di sfide importanti. Probabilmente le due prossime partite mi smentiranno, ma la loro forza d’animo è lodevole.

Repubblica Ceca: La peggiore del girone senza dubbio. Ha dovuto affrontare la squadra più temibile, con il movimento calcistico più in ascesa. Era la favorita assieme alla Russia per passare il turno, ma alla luce della sconfitta tutto sicuramente cambia. Da rivedere la difesa, e l’attacco dove Baros sembra ormai solo una brutta copia di quello di qualche stagione fa.

Russia: Nota di merito. Come ho già scritto la squadra è in ascesa, il movimento calcistico pure. Zenith e Cska Mosca, sfornano talenti ad un buon ritmo. Ora si aspettano però conferme. Bravo Dzagoev un giovane dalla classe cristallina, ma ora passato l’entusiasmo bisogna guardare al futuro del torneo, ma sicuramente la vecchia volpe Advocaat lo sa.

GIRONE B

Danimarca: Il simbolo della solidità nordica. Squadra ordinata e pulita, con poche velleità di fantasia e molta più consapevolezza della forza di gruppo. Olsen ha lavorato molto sulla squadra e si vede, nonostante la brutta partita dell’Olanda, ha dimostrato all’Europa che il suo collettivo, in quanto tale può mettere sotto qualsiasi avversario.

Olanda: Brutta, svogliata, piena di solisti. Questi gli aggettivi per definire una prestazione sicuramente sottotono che Snejder e compagni sono chiamati a riscattare a partire dalla prossima partita. La classe c’è, la forza anche, ma quello che forse manca è l’amalgama tra i giocatori, da sempre punto di forza olandese, che quest’anno potrebbe essergli fatale visto il girone di ferro.

Germania: Una delle favorite alla vittoria finale, e l’ha dimostrato. In una partita difficile come quella contro il Portogallo, il gruppo di Low ha saputo fronteggiare bene la fantasia portoghese, e ha trovato in Boateng l’arma in più per fermare il pericolo Ronaldo. La squadra non sta ancora girando a mille, e la cautela è d’obbligo, però il girone potrebbe già essere suo.

Portogallo: Ha dimostrato troppa cautela, non ha osato e tirato fuori quella fantasia e classe presente soprattutto nei piedi di Ronaldo e Nani. Con la Germania sono stati alla finestra, e hanno lasciato ripartire troppo gli avversari. Ma il gruppo mi pare che ci sia, e che il riscatto sia decisamente dietro l’angolo.

GIRONE C

Italia: Buon avvio, prudente come prevedibile. La squadra ha superato l’ostacolo più dura senza subire troppi danni. Nonostante la Spagna abbia un po’ deluso, il gruppo di Prandelli ha dimostrato di esserci, e di voler arrivare davanti in questi europei. Il test più duro ora sarà la Croazia e il recupero di Balotelli, che rischia  di perdere la concentrazione.

Spagna: Sono i campioni uscenti, ma se qualcuno ha visto tutte le partite della prima giornata non lo direbbe. Intendiamoci il collettivo è molto completo, la fitta serie di passaggi e l’attaccante mascherato Fabregas sono dei clienti molto pericolosi. Ma con il blasone e i nomi altisonanti degli uomi di Del Bosque, ci si aspettava molto di più.

Croazia: I ragazzi terribili di Bilic ormai non sono più una sorpresa ma una piacevole conferma. Oltre ha essere molot solido il gruppo ha anche una discreta classe in attacco con Modric su tutti. Anagraficamente la squadra è pure giovane, sintomo di un buon lavoro sui talenti a disposizione. Ha destabilizzato il girone, con Italia e Spagna che ora la temono come la peste.

Irlanda: Molti parlano di delusione, o peggio di squadra non all’altezza dell’Europeo. Per me non è così. E’ arrivata da protagonista, per il rotto della cuffia in Polonia, Trapattoni con i mezzi che aveva ha fatto un gran lavoro, e l’età media della squadra, di esperienza si, ma poco dinamica lascia poche speranze, ma il Trap è una vecchia volpe, e la cautela è d’obbligo.

GIRONE D

Inghilterra: Un maligno potrebbe pensare ad un biscotto con la Francia per spartirsi il girone, ed eliminare le altre due pretendenti, ma non è sembrato così. La squadra sembrava sui carboni ardenti, con poche idee e sulla difensiva. Hodgson dovrà lavorare molto su questo, giocare così e non spingere sulle fasce, con una squadra di classe è un suicidio.

Francia: Poco reattiva come l’Inghilterra. Nota di merito alla difesa e al centrocampo che ha sbagliato poco e coperto meglio che l’avversario. Nasri e Benzema dovranno lavorare di più per portare in patria il trofeo, e soprattutto dovranno assieme a Blanc trovare il modo per ricevere più rifornimenti e un sistema di gioco che li coinvolga di più nelle azioni offensive.

Ucraina: La sorpresa, o quasi. Ha sfruttato meglio le ripartenze, ha davanti un bomber di razza assoluta come Shevchenko, e soprattutto una grande organizzazione di gioco, che gli permette di costruire un gioco solido ed efficace. Non vuole sfigurare in casa e lo dimostra a suon di gol ad una disattenta Svezia, ora gli avversari più duri, sarà impresa?

Svezia: Ibrahimovic ci prova, tiene a galla la squadra, gioca praticamente da solo, ma non basta. La rimonta dell’Ucraina oltre ad essere uno schiaffo morale non quantificabile, mette a nudo la difficoltà della squadra nel gestire una situazione favorevole, e forse il simbolo di una formazione venuta solo come comparsa all’Europeo.

 

Filippo Mancini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...