Un cielo tutto Blues su Monaco: il Chelsea è campione d’Europa

E dopo la delusione per la finale finale persa nel 2008 contro il Manchester United, la semifinale in cui furono “derubati” contro il Barcellona nel 2009, il Chelsea ce la fa ed alza al cielo la sua prima Champions League!

AllianzArena, Monaco di Baviera. Bayern Monaco contro Chelsea, la finale che non t’aspetti, specie se in semifinale ci sono anche il Real Madrid di Cristiano Ronaldo e il Barcellona di Messi.

Il Bayern, quindi, se la gioca in casa, da grande favorito di fronte al suo pubblico. Il Chelsea, dal canto suo, è la squadra rivelazione, il Davide contro il Golia tedesco, che gioca senza paura e che ha eliminato i marziani blaugrana del Barca.

La partita è bellissima fin dall’inizio, con tanti attacchi continui, soprattutto tedeschi, che probabilmente meriterebbero qualcosa in più, anche in virtù dell’incrocio dei pali colpito da Robben. La tattica degli inglesi non si allontana di molto da quella utilizzata contro il Barcellona di Guardiola: un “muro blu” sempre pronto a ripartire e a far male in contropiede. Le statistiche del primo tempo dicono 13 tiri a 2 e 8 corner a 0 per i tedeschi, ma il punteggio non si schioda dallo 0 a 0.

Il secondo tempo è caratterizzato dalla furia dei tedeschi, che letteralmente prendono a pallonate gli inglesi, con Ribery che insacca su assist di Muller, ma la terna arbitrale annulla per fuorigioco del giocatore francese. I minuti passano e la partita prende sempre di più la forma di un assalto tedesco, fino al 83°, quando Muller con un colpo di testa insacca alla spalle di Cech, e 1 a 0 Bayern. I tedeschi, già in festa sugli spalti, decidono di “coprirsi”, togliendo un attaccante per un difensore, ma 2 minuti dopo il gol del vantaggio, su un rarissimo corner degli inglesi, subiscono il gol del pareggio di Drogba, che con “un’incornata” pazzesca infila la palla in rete per l’1 a 1.

Supplementari. Le squadre iniziano a sentire fatica, stanchezza e tensione. Drogba, che si conferma protagonista in bene e in male di questa finale, stende Ribery in area ed è rigore per i tedeschi dopo solo 5′. Va Robben sul dischetto e si fa parare il penalty da Cech. Passano i minuti, succede poco e sale la tensione.

Rigori. L’incubo dell’allenatore dei bavaresi,  Heynckes, è arrivato. La cose si mettono subito bene per i tedeschi però, con Neuer (che poi segnerà pure lui dal dischetto!) che para un rigore a Mata; ma Olic prima e Schweinsteiger poi, con un rigore parato e un palo colpito, ribaltano la situazione, dando a Drogba la palla del rigore decisivo, che non sbaglia, e la Champions agli inglesi.

Pochi avrebbero scommesso su di loro, per come si era messa l’annata: esonerato Villas-Boas, l’allenatore pagato 15 milioni di euro(!), squadra in mano al vice italiano Di Matteo (già ex giocatore dei Blues), giocatori dati per finiti (Drogba in primis) o definiti “brocchi” (vedi El nino Torres).

Ora staremo a vedere quello che sarà il futuro che il presidente Abramovich, deciderà per questa squadra: terrà il tecnico italiano che ha vinto Champions ed FA Cup? Rinnoverà i contratti a giocatori come Drogba?

Sicuramente, per il momento, si godrà la sua prima Champions, vinta a Monaco, dove il cielo è sempre più Blues.

Alessandro Assad

2 thoughts on “Un cielo tutto Blues su Monaco: il Chelsea è campione d’Europa

  1. Partita bruttina. Robben si conferma uno dei più grandi perdenti della storia del calcio. Ancora una volta il calcio all’Italiana si è dimostrato il più redditizio; onore al Samurai Di Matteo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...