L’Italia è un muro! Seconda vittoria nella World League

Italia-Francia 3-1 (20-25, 25-22, 25-21, 25-22)

Seconda vittoria in questa World League per l’Italvolley di Mauro Berruto, che supera la Francia per 3 a 1. Bene Savani e Zaytsev, da rivedere Kovar.

Qualche tremolio si era visto nel match vinto al tie break contro la Corea del Sud e il primo set faceva presagire una giornata no degli azzurri. Invece con carattere, compattezza a muro e un servizio ficcante e meno falloso di quello francese gli azzurri ribaltano il risultato portandosi in testa al girone, in attesa del match di domani contro gli Stati Uniti che chiuderà questa parte della manifestazione.
Berruto presenta un’Italia nuovamente inedita schierando Kovar – Savani in banda, Fei – Birarelli al centro con Zaytsev opposto a Travica. Altra novità è l’uso del doppio libero con Bari e Giovi (il primo in fase Cambio Palla, il secondo in fase Break Point). A riposo Mastrangelo e Lasko, nemmeno in panchina.
L’inizio del match (dopo il minuto di silenzio per la tragedia di Brindisi) è targato Zaytsev che porta avanti l’Italia, ma la Francia trascinata dal “cuneese” Ngapeth è avanti al primo Time Out tecnico. Da quel momento la Francia si porta avanti, e nonostante la grande vena di Savani e Zaytsev diversi errori (tra cui quello di Kovar in ricezione sul 24-20) regala alla Francia il primo set. Il secondo set mantiene il trend del primo, ma grazie agli errori al servizio della Francia e alla verve di Savani l’Italia si porta sul 16-15 al secondo Time Out tecnico.
Da quel momento esce fuori il muro azzurro che, unito ad errori veniali dei francesi e all’ingresso di Papi al posto di un evanescente Kovar, piazza l’allungo decisivo e dopo l’errore in primo tempo di Leroux l’Italia si porta sull’uno pari. Sembra esser notte fonda quando la Francia nel terzo set piazza un break di 5 – 0 tale da stendere qualsiasi squadra, ma con Zaytsev e Savani sugli scudi e agli attacchi al centro giostrati da un ispirato Travica (ben servito in ricezione da Papi, 39 anni e non sentirli) dopo diversi capovolgimenti di fronte con i muri di Zaytsev, Savani e Birarelli l’Italia si porta sul 2-0. Nel quarto set la Francia, nonostante un Samica molto ispirato in attacco sbaglia troppo al servizio e arriva fino al 18 pari prima di cadere in errori veniali (clamoroso l’errore di Leroux che spedisce il pallone in curva su ricezione sbagliata da Papi) che portano l’Italia sul 24-22, con Fei che in primo tempo mette la parola fine al match.
Buon successo dunque di un’Italia sperimentale contro i transalpini, ma c’è ancora tanto da lavorare, perchè le Olimpiadi si avvicinano e la’ non ci sarà tempo per provare e sbagliare.

 
Francesco Satta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...